Kumbh Mela ad Allahabad 2013 - Il più grande pellegrinaggio indù dell'umanità in India

La fotografa tedesca Victoria Knobloch e il fotografo indiano Jagdev Singh si sono incontrati per caso l'anno scorso a New Delhi. Immediatamente hanno sentito una profonda connessione professionale e si sono resi conto di avere un approccio correlato alla fotografia. Pertanto, hanno deciso di realizzare una serie di foto insieme. Hanno fatto un ritratto di Nuova Delhi, poiché entrambi sono affascinati da questa città esuberante. Volevano mostrare il suo lato vivido e bello. Principalmente, tuttavia, erano interessati alle aree problematiche sociali di questa metropoli. La povertà, la fame, l'immondizia, il caos, la disperazione giocano purtroppo un ruolo importante in tutte le aree urbane. Ancora una grande parte della popolazione delle città vive in condizioni di vita umane inadeguate. Tuttavia molte persone si spostano ancora dalle loro case rurali alle città con la speranza di una vita migliore, ma restano deluse dalla realtà, spesso molto difficile.

Victoria Knobloch - Fotokunst aus Indien

Jagdev Singh

Delhi è una città sempre agitata e ruggente. La città presenta ad ogni angolo un volto unico e dinamico. La città di per sé appare sovraffollata di persone e si vede il traffico muoversi da un paraurti all'altro su diverse strade principali della città. Trovi Delhi come una città turbolenta, grande, rumorosa e sporca. Con più della metà della popolazione di Delhi che vive negli slum, i poveri che svolgono lavori quotidiani, tirano risciò in bicicletta, vendono poca merce lungo la strada e bambini che mendicano ai segnali stradali sono una visione comune a Delhi. Non proprio un paradiso in cui vivere, ma diciamo che con l'"India Gate" come simbolo per la sua gente, Delhi è ancora un epicentro importante e affascinante del paese. In poche parole, la vita a Delhi è un'avventura in tempo reale che accade per le strade in ogni momento.

Jagdev Singh

Jagdev Singh

Victoria Knobloch

Il prossimo febbraio entrambi i fotografi pianificano una serie di fotogiornalismo sul “Kumbh Mela ad Allahabad 2013 – Il più grande pellegrinaggio indù dell'umanità in India”. Con questa documentazione fotografica vogliono presentare una visione commovente e intensa di questo più grande evento religioso sulla terra che testimonia un massiccio pellegrinaggio, attirando milioni di indù ad Allahabad, il luogo in cui si incontrano i due fiumi, il Gange e lo Yamuna (Sangam). I fiumi godono dello status di Dee nella mitologia indù. Il potere della fede, i bagni, i canti e le danze devozionali, la dedizione alla santa madre Gange e le preghiere con il cuore e l'anima sono unici al mondo.

Per una settimana i 2 fotografi hanno catturato l'incantesimo, il fascino e la particolarità di questo pellegrinaggio di massa indù. Con la loro serie di foto portano con sé lo spettatore in un viaggio visivo che immergerà la sua anima nel reale svolgimento di questo spettacolare evento stesso.

Victoria Knobloch

Per qualsiasi interesse di pubblicazione, esposizione o supporto finanziario si prega di contattare: victoria_knobloch@web.de

Victoria Knobloch (www.victoria-knobloch.de) è un fotografo tedesco che si concentra sulla ritrattistica in bianco e nero e sul lavoro documentaristico. I suoi soggetti preferiti sono il ritratto del personaggio, la street photography e i documentari di impatto sociale. È stata finalista del rinomato “Henri Nannen Preis” per il lavoro giornalistico nel 2012. Accanto alla sua arte fotografica lavora come cantante classica.

Jagdev Singh (www.jagdev-singh.in) è un fotografo freelance di New Delhi, India. Il suo lavoro districa l'aspetto complesso della vita, rivelando un senso fine per un momento di pausa. La fotografia di strada è uno dei suoi soggetti preferiti.

Se desideri acquistare le stampe di questi grandi fotografi, visita la galleria di Victoria Knobloch e Jagdev Singh on Photocircle.

217.403
Dall'inizio di ottobre 2019 siamo già stati in grado di piantare 217.403 alberi grazie alle immagini vendute su Photocircle. Assorbiranno circa 17.392.240 kg di CO₂ entro i prossimi cinque anni.